Amore come fedeltà

amore
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

amoreLe discussioni sull’amore il più delle volte fanno perno sul concetto universale di fedeltà, spesso comunemente intesa nel suo significato morale che conduce ad imporre determinati divieti, primo fra tutti quello di non commettere adulterio (o tradimento che dir si voglia). La fedeltà è una virtù, un impegno morale, con la quale una persona si vincola affinché un legame d’amore verso un’altra persona sia sempre valido e sincero, basato sulla fiducia reciproca.

Esiste anche una definizione unica del sentimento che è alla base dell’amore, infatti la parola fedeltà deriva dalla base latina fides, usata come sinonimo di corda di uno strumento musicale, tipica metafora atta a rappresentare un impegno da mantenere per conquistare la stima delle persone.

Generalmente la fedeltà basilare in una storia d’amore è quella sessuale e soprattutto in tal caso sono i partner a definire il confine tra fedeltà e tradimento: a seconda delle interpretazioni, anche relazioni platoniche (vissute per esempio on line) possono essere considerate gravi e contribuire alla fine del rapporto. Non può essere negato che delimitare precisamente i comportamenti da tenere per rimanere fedele al partner implica necessariamente una riduzione della propria libertà personale, ma l’amore vero sta nel sentire tale condizione come propria e non come un peso generante mancanze. Se la fedeltà inizia a trasformarsi in un compito da dover svolgere alla lettera vuol dire che l’amore sta gradualmente scemando. Nonostante questo la fedeltà in amore è anche un valore legato ad una sfera di positività che purtroppo non sempre viene considerata, si pensi alla fedeltà riguardo una promessa fatta o una parola data. L’amore fedele è anche saper mantenere ciò che è stato detto.

Caratteristiche della fedeltà

La fedeltà nasce in particolare dalla fede nonché dalla capacità di rinnovamento e di crescita presente in ogni essere umano e messa a disposizione della coppia. La fedeltà è somma di tanti elementi in perfetto equilibrio tra loro: fedeltà è sinonimo di fiducia reciproca, rappresenta l’intelligenza di aprirsi ogni giorno al miglioramento e quindi al rafforzamento dell’amore; fedeltà significa credere nell’altro e nell’amore che salda l’unione della coppia; la fedeltà è un piacere e non un dovere a cui ottemperare: è quindi un valore che permette quotidianamente di accettare di dover sempre migliorare e progredire nel proprio essere.

Ovviamente tale valore non deve essere assolutamente imposto, come fosse una tassa da pagare, ma deve sfociare naturalmente dal sentimento di amore che va a crearsi fra due persone, una pretesa di fedeltà allontana senza dubbio il partner che, a lungo andare, si sentirà preda in un rapporto viziato da possessività ed impedimenti. In un tempo non molto lontano a farla da padrone era proprio la mentalità secondo cui l’uomo poteva pretendere la fedeltà imponendo divieti anche invalidanti, ma dal canto suo non era tenuto ad esserle ligio. Fortunatamente oggi maschi e femmine sono sullo stesso piano nella nostra società e anche in amore, evitando di considerare tutte quelle situazioni in cui uomini mostri calpestano con violenza l’amore della propria compagna.

La caratteristica esclusiva della fedeltà si concretizza nell’essere consapevoli che amare non può giustificare lesioni gravi della stessa: perdonare un tradimento non significa dimostrare vero amore, ma rispecchia essenzialmente il tentativo di ricucire ciò che da molto tempo era già lacerato. Invece in una relazione amorosa completa e sana, la fedeltà non va né più né meno che a completare l’unione creata, la complicità generata e il desiderio di condividere la vita e la quotidianità.

Proteggere la fedeltà

Nella fase neonata dell’innamoramento essere ligi alla fedeltà totale giurata è piuttosto semplice: i momenti sono magici ed essere fedeli alla persona amata viene del tutto automatico. E’ nel corso degli anni che tale facilità si logora, divenendo giungla di pericoli e rischi che possono compromettere il rapporto d’amore. Ma perché col tempo la fedeltà diviene realtà labile? Semplice, perché va a scemare la fase di amore passionale ed emotivo, lasciando spazio a sentimenti più di benevolenza che di trasporto sensazionale. L’altro ormai non ha più segreti e lo spazio infinito che rappresentava diventa cammino già percorso più e più volte.
Nonostante questo però va evitato il grande errore, primo nemico della fedeltà, di credere che il partner è ormai libro aperto: tutti hanno delle pagine nascoste da dover continuare a sfogliare vita natural durante. Diversamente invece ci s’incammina sul binario della delusione e della sazietà emotiva, andando probabilmente ad inficiare il valore della fedeltà alla prima occasione. Del resto quando si prova a cercare altrove quella felicità che ci aveva sedotto, vuol dire che dentro di noi non abbiamo più l’amore sufficiente che stimola a continuare con l’altro la grande avventura iniziata insieme.
In generale l’arma vincente è solo una: evitare lunghi silenzi nella coppia, cercando di parlare sempre anche su eventuali difficoltà che essa incontra. In questo modo verrà alimentato ogni giorno il fuoco dell’amore e del rispetto, evitando che il rapporto muti in una relazione abitudinaria priva di stimoli e quindi maggiormente tendente all’infedeltà.

Scritto da 

L’articolo è finito se vuoi puoi leggere anche: