Baryshnikov ritorna a Tel Aviv con il suo spettacolo teatrale “In Paris”

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo l’applaudita performance a Parigi, Michael Baryshnikov ritorna a Tel Aviv con il suo spettacolo teatrale “In Paris”. Alla conferenza stampa nel rinomato Suzanne Dellal Center, uno dei momenti clou è stato quando gli è stato chiesto come si sente che la maggior parte della gente lo riconosce come il personaggio di Sex in the City Alexander Petrovsky? Suscitando ilarità e brusii dalla stracolma sala stampa. E la risposta di Baryshnikov, dopo un attimo e ridendoci sopra non è stato altro che “ Un po’ triste, non è vero?

La verità è che Baryshnikov è probabilmente il più noto e amato ballerino dell’età moderna, ed essere anche attore è stata una parte integrale della sua carriera sin dall’inizio. Come non si può non ricordare le 12 piroette in White Nights, fatte in stivali da cowboy, o la passione ed il trasporto in Turning Point? Nessuno ballerino come Baryshnikov è riuscito a percorrere l’elusivo confine fra danza e recitazione nell’ultimo secolo.

Adesso Baryshnikov ritorna in Israele con uno spettacolo teatrale drammatico in Russo “ In Paris”, sotto la regia di Dimitry Krimov e la sua troupe di attori, la Baryshnikov Arts Center, dopo una ottima premiere allo Stage Helsinki Festival. Sono previste ben nove repliche, al Suzanne Dellal Center in Tel Aviv, dove si prevede dal 14 al 21 novembre un tutto esaurito.

Il pezzo teatrale è un adattamento dalla novella, In Paris di Ivan Bunin. Il primo scrittore russo vincitore del premio Nobel per la letteratura, ambientata agli inizi del 1930, con protagonisti due immigrati russi, un generale in pensione che si innamora di una donna molto più giovane in un ristorante russo dove lei lavora come cameriera. La donna, interpretata da Anna Sinyakina, è una giovane immigrata in Francia, che si trova invischiata in un’improbabile e tragica storia di amore.

Insieme a Baryshnikov e Sinyakina, calcano le scene gli attori del laboratorio teatrale sperimentale di Dimitry Krymov. La troupe con base in Mosca è iniziata come un gruppo di studenti della RATI (Accademia Russa di Teatro e Arte), guidata dal loro professore, Krymov, “giocando” con l’idea che scenografi di scena potevano diventare loro stesse attori. Da questa idea la nascita del Laboratorio che negli ultimi 6 anni ha avuto un notevole successo sia in Russia che all’estero.

Krymov, è una delle voci più forti del movimento noto come il Nuovo Teatro Russo. La sua vastissima produzione teatrale è fortemente influenzata dall’arte visuale, visto che lo stesso Krymov è un famoso pittore. Unendo insieme letteratura, teatro e pittura, Krymov avvolge la platea in una ricca trama di colori e suoni.

Krymov usa musica, canzoni, mimo, video, ed immagini giganti di vecchie cartoline di Parigi per creare un immaginario cupo e in bianco e nero per lo spettacolo “In Paris”

Baryshnikov ha investito be $250.000 personalmente nello spettacolo e altrettanti ne ha fatti investire da suoi amici di New York.

Un dietro le quinte simpatico è sul russo di Baryshnikov, che per la prima volta in uno spettacolo recita in russo, una lingua che dal 1974, anno in cui lasciò la Russia evidentemente non parla molto. Infatti il regista Krymov ha sottolineato come i giovani attori della troupe abbiano notato il russo vecchio stampo del noto ballerino, non proprio “da Pre-Rivoluzione Russa” ma decisamente non contemporaneo che ha molto divertito gli attori.

Lo spettacolo interamente in russo avrà una traduzione simultanea con sottotitoli e una sinopsi in inglese.

Info:

Dove: Tel Aviv, Suzanne Dellal Center
Quando: Novembre 14-21 2011
Biglietti: 972-3-510-5656  www.suzannedellal.org.il

Scritto da Miriam Pierro-Ross