Carnevale di Viareggio: satira, colore, divertimento e gusto da 139 anni

maschera di Carnevale
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

maschera di CarnevaleIl Carnevale di Viareggio è un evento che ha acquistato sempre più notorietà a livello mondiale. Quella che può essere considerata la sua prima edizione risale al 1873, quando alcuni cittadini protestarono contro l’ingiusta quantità di tasse del periodo in modo assolutamente creativo: una parata di maschere si riversò per le vie della città per burlarsi delle autorità e contestare con l’arma della satira.

E’ questo lo spirito che è rimasto vivo durante gli oltre cento anni trascorsi, in cui hanno sfilato carri allegorici, sempre più belli e tecnologicamente avanzati, creati prendendo ispirazione dagli avvenimenti (politici e di gossip) di più immediata attualità.

Nel passare del tempo la tradizione si è confermata e rafforzata. La maschera simbolo del Carnevale, Burlamacco, e l’inno ufficiale, “Su la coppa di champagne”, sono entrati di diritto nella storia carnevalescia mondiale, oltre, naturalmente, a caratterizzare in primis la tradizione viareggina.

L’Edizione 2012 si riallaccia al leitmotiv di questo periodo con un titolo emblematico: “Il Carnevale di Viareggio è… la Fine del Mondo”. Il meteorite coloratissimo di stelle filanti che cade ed apre il Carnevale diventa il simbolo di come sia possibile esorcizzare la paura di una eventuale apocalisse.

Durante il periodo dei festeggiamenti (dal 4 febbraio fino alla sfilata finale del 3 marzo) gli appuntamenti sono molto variegati. Non manca anche una certa attenzione al Carnevale dal punto di vista di indotto produttivo e chi fosse interessato all’argomento potrà partecipare ad aprile alla Fiera, il “CARNEVALExpo”.

Oltre alle tipiche sfilate dei carri di cartapesta sulla Passeggiata verso il mare (sono previsti 6 Corsi, 11 carri di prima categoria e 6 carri di seconda categoria), non mancheranno rappresentazioni teatrali, spettacoli di animazione dedicati anche ai più piccoli, musica e gli spettacoli pirotecnici che si svolgeranno nella cornice di Piazza Mazzini.

Si potranno visitare mostre di pittura e di ceramica. Verrà proiettato in anteprima il film “Star Wars episodio 1: la minaccia fantasma” in 3D. Viareggio vedrà la presenza dell’attore Mark Freedman (l’interprete di Darth Maul) ed è, inoltre, dedicata al film la parata che apre la prima sfilata.

Oltre alla possibilità di godere dello spettacolo dal vivo o tramite la diretta televisiva di Martedì Grasso (21 febbraio), usufruendo di un giro in elicottero sarà possibile ammirare anche dall’alto l’esplosione dei colori e le immagini realizzate sui carri in tutta la loro bellezza.

In questo scenario non mancherà uno sguardo verso le tradizioni locali. Sarà data la giusta considerazione alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici e l’attenzione si sposterà nei Rioni della città (Rione Darsena, Migliarina, Varignano, Marco Polo, Vecchia Viareggio) dove saranno organizzate delle serate di festa.

Tra i Rioni va evidenziato Torre del Lago Puccini. E’ un luogo che esprime un valore intrinseco, oggettivo e storico e che è consigliabile visitare per la bellezza del panorama naturale che si sviluppa tra il mare, il lago di Massaciuccoli e le Alpi Apuane.

La Locanda degli Artisti” è un ottimo ristorante a conduzione familiare di Torre del Lago ed è situato in un luogo dove poter godere di un momento di tranquillità gustando piatti tipici della gastronomia locale.

Le feste organizzate nei Rioni sono un’ottima occasione per avvicinarsi alla cucina viareggina. Si può cominciare dai piatti a base di pesce povero (il principale tra i prodotti locali) con l’ottima frittura, il Cacciucco oppure gli Spaghetti alla Trabaccolara; si potrà assaggiare una certa varietà di salumi, per terminare con la Zuppa alla Frantoiana, in cui verdure, fagioli e soprattutto molto olio di oliva extravergine regalano una specialità profumatissima e molto gustosa.

L’area degli eventi si allarga a tutto campo per poter soddisfare le esigenze di ogni età ed ogni tipo di interesse. Anche il mondo dello sport acquista un ruolo di importanza grazie al Torneo Mondiale Giovanile di Calcio che si svolgerà dal 6 al 20 febbraio. Altri appuntamenti sono riservati agli amanti dell’Equitazione, dell’Hockey su Prato e ci sarà la possibilità di seguire un Torneo di Tennis in maschera presso il Circolo di Viareggio.

I lanci sul Corso mascherato dei paracadutisti dell’Associazione Nazionale non sono sicuramente in secondo piano, così come il Motoraduno Nazionale (18 e 19 febbraio).

Lo spirito del Carnevale si rivela soprattutto nella sua dimensione di gioioso divertimento.
Il Grand Hotel Principe di Piemonte organizza il Gran Veglione di Carnevale sabato 11 febbraio. E’ un prestigioso Hotel a Quattro Stelle in cui in questo periodo è possibile usufruire di un’offerta speciale per il pernottamento, comprensiva anche di biglietto per accedere al Corso mascherato.

Per soggiornare in Versilia durante il Carnevale altre soluzioni possono trovarsi negli Hotel a Tre Stelle o affittando degli appartamenti in Residence a Viareggio, nei vari Bed & Breakfast situati in zone limitrofe, (Lido di Camaiore, Massarosa), nella cornice di qualche agriturismo o prenotando negli ostelli che si trovano nei dintorni.

Tra i veglioni a cui sarà possibile partecipare non possiamo non citare quelli organizzati alla “Capannina”, uno dei luoghi “cult” di Viareggio, dove nel pomeriggio del 21 febbraio ci sarà anche un Veglione dedicato ai più piccoli. Il giorno 20 febbraio il Teatro Politeama sarà invece lo sfondo su cui si svilupperanno le immagini colorate ed originali del Galà Drag Queen Carnevale.

Al tema specifico della gastronomia toscana e viareggina è dedicato il periodo che va dal 14 al 16 febbraio.
Iniziative quali il “Forum con cuochi toscani” o la Scuola di Cucina organizzata dal Ristorante “Il Principino” permetteranno di venire a contatto in modo diretto con la tradizione culinaria di Viareggio, nel cui panorama rientra la versione “dolce” della tipica “Scarpaccia” (una torta a base di zucchine) e sicuramente non possono essere dimenticati i Cenci, dolci fritti tipici di Viareggio del periodo di Carnevale.