Come combattere l’allergia da acari

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

L’allergia da acari è sicuramente una delle più diffuse e difficile da combattere sopratutto nel periodo primaverile, quando dopo il freddo dell’inverno si incominciano le pulizie primaverili ed è necessario purificare e areare bene gli ambienti e la casa.

In questo periodo la polvere sembra comparire in ogni angolo e complice anche l’inquinamento e il riscaldamento domestico aggrava i sintomi allergici causando riniti, dermatiti, tosse, asma e prurito.

La cosa più semplice da fare è pulire molto bene la casa, magari utilizzando un aspiratore con il filtro ad acqua e pulitore a vapore perché igienizza e pulisce bene in profondità tappeti, tende, parquet, piastrelle e infissi, lavare le lenzuola, i cuscini e i divani in modo da togliere eventuali residui di polvere e i temutissimi acari.

Per rinforzare l’organismo e le difese immunitarie uno dei rimedi più efficaci è sicuramente il succo d’aloe, super rinforzante anche per l’intestino.

Potete prenderne un cucchiaino in mezzo bicchiere d’acqua a digiuno la mattina e a metà pomeriggio per 1 o 2 mesi.
In alternativa per combattere l’asma causata da allergia da acari anche il sambuco e il timo sono ottimi, nel caso del timo anche come olio essenziale da mettere nei diffusori o per fare summifugi.
Non dimenticate che potete anche utilizzare i cuscini anallergici con la federa anti acari e i materassi in lattice per dormire meglio.