Cristalloterapia: le vibrazioni di primavera

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Il potere dei cristalli è particolarmente forte in primavera quando la natura si risveglia a nuova vita e il sole incomincia a scaldare la Terra con i suoi raggi che ogni giorno diventano più forti.

In questo periodo di risveglio interiore e fisico le vibrazioni dei cristalli e la loro luce possono aiutare a rigenerarsi e a riprendere le forze dopo il freddo inverno.

Quali cristalli associare quindi nel periodo primaverile per il risveglio dello spirito e del corpo?

In primavere sono utili cristalli che possono aiutare a svegliarsi dal torpore e a disintossicarsi dalle tossine psichiche e fisiche che l’inverno, l’inquinamento e anche il riscaldamento delle case hanno prodotto.

Il turchese con il suo colore blu, una pietra da abbinare al V chakra aiuta a tonificare e rafforzare il corpo favorendo la rigenerazione dei tessuti, la circolazione del sangue, la respirazione ed per il suo potere calmante anche il sistema nervoso.

Pietra celestiale è dedicata sopratutto al segno zodiacale dell’Acquario, per il suo colore che ricorda l’azzurro del cielo o del mare.
Anticamente si pensava che proteggesse dagli incidenti e aiutasse nel commercio.

Il topazio dorato con il suo colore che ricorda il sole, da abbinare al II, III e IV chakra, è un forte equilibratore emozionale, aiuta a rinforzare il fegato, la cistifellea e la milza ampliando la visione interiore e donando pace, calma e serenità.

Secondo l’Ayurveda, il topazio dorato è utile anche per prevenire le rughe e rendere morbida e splendente la pelle.

Il quarzo ialino o quarzo bianco può essere utilizzato su tutti i chakra perché le sue vibrazioni e il suo potere è talmente forte da richiamare e amplificare le energie positive di tutto l’universo combattendo le energie che provengono dalla paura, dall’angoscia e dai pensieri negativi

Il quarzo rosa, chiamata anche la pietra dell’amore per il suo potere femminile di attirare pensieri ed energie che portano pace, tranquillità, compassione e amore verso il prossimo, da utilizzare sul IV chakra anche per allontanare sentimenti come rabbia, gelosia, sensi di colpa e risentimento.

Lo possono utilizzare le persone timide e introverse perché dona il coraggio e la consapevolezza della forza dell’amore e dei sentimenti positivi aiutandole ad esprimersi e a relazionarsi con gli altri, stimolando le relazioni sociali.

L’ametista che con il suo raggio viola può aiutare nella meditazione e nello studio, aumentando la concentrazione e il raggiungimento di stati spirituali più elevati aumentando le capacità psichiche e medianiche, rafforzando il sistema endocrino e immunitario, da abbinare al VI e VII chackra sul terzo occhio.

Questa pietra è utile sopratutto al segno zodiacale dei Pesci perché sono super romantici e molto sensibili e con questa pietra possono ampliare le loro conoscenze e raggiungere facilmente l’equilibrio spirituale e mistico.

In generale in questo periodo sono molto utili le pietre e i cristalli chiari, perché danno nuova luce, illuminando la mente, aumentando la concentrazione e liberando lo spirito e il corpo dal letargo invernale per preparare all’esplosione di luci, colori e calore dell’estate.