Cure naturali:l’abete bianco

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

L’abete bianco, il re dei boschi, che con i suoi profumatissimi aghi ci offre ombra e refrigerio nelle caldi giornate d’estate, in inverno offre le sue proprietà per la cura del corpo e della mente.
Dell’abete bianco si possono utilizzare gli aghi, i rametti giovani, le gemme, le pigne e anche la profumatissima resina.

Ha azione antisettica, antispastica, aromatizzante, balsamica, diuretica, espettorante, revulsiva e stimolante, grazie anche alla oleoresina (colofonia e trementina) e ai tannini.
Dal suo legno infatti si estrae la trementina d’Alsazia, un liquido sciropposo, denso, trasparente, ambrato con un profumo intenso e balsamico.

Di solito si utilizza per curare bronchiti, raffreddori o influenze o per bagni rigeneranti preparando un infuso con 500 grammi di pianta in 3 o 4 litri d’acqua da versare della vasca del bagno, oppure miscelando gemme di abete bianco, foglie di eucalipto, e timo., mentre il decotto preparato bollendo 50 grammi di gemme in un litro d’acqua può essere usato per fare dei cataplasmi in caso di geloni alle mani o ai piedi.

La presenza di un abete vicino ad una casa di sicuro porta gioia e serenità con la sua ombra e i suoi poteri curativi, regalando come tutti gli alberi anche una boccata d’ossigeno che tanto manca nelle nostre città super inquinate.

Scritto da