Come essere primi nelle Serp dei motori di ricerca come Google.

SEO e motori di ricerca
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

SEO e motori di ricercaLa SERP di Goolge è  per ogni parola o Keyword di interesse la classifica dei siti web dalla prima pagina in poi, insomma il posizionamento di un sito nel motore di ricerca.

Avere un sito web, un blog o un e-commerce è come avere una vetrina esposta  al mondo intero ed  è sicuramente bello, ma se il vostro sito non compare nei motori di ricerca e le persone non lo visitano non serve a nulla.
I modi per essere primi in classifica sono molti, ma pochi sono quelli veramente utili.
Un breve elenco può essere utile per aiutare i novelli webmaster a districarsi nella giungla delle offerte e del SEO.

La prima cosa da fare è creare un sito dalla grafica semplice ma al tempo stesso accativante, che attiri l’attenzione senza essere pesante e che sia visualizzabile anche sui dispositivi mobili ossia responsive, che si adatti a tutti gli schermi e a tutte le risoluzioni.

Al bando tutti i siti con introduzioni lentissime specie se in flash, immagini pesanti che annoiano e allontanano il visitatore, tabelle nel codice.
Una delle cose essenziali è quindi separare sempre la struttura tramite css dai contenuti e attraverso appositi plugin alleggerire i possibili javascript, css e naturalmente le immagini-

Poi bisogna ottimizzare bene il codice delle pagine utilizzandovalidatori online come W3.org e altri tools utili per trovare le parole chiavi più ricercate da inserire nei titolii delle pagine e nei metatag evitando il key stuffing.

Possibilmente creare pagine accessibili anche anche  a chi ha javascript disabilitato e non può utilizzare flash.
Da evitare musiche introduttive che possono disturbare i lettori  e sopratutto le per persone ipovedenti, colori troppo poco evidenti o con poco contrasto con lo sfondo del sito.
Abbinare sempre alle immagini il tag alt e ai link il tag title  per migliorare l’accessibilità e nominandole con eventuali keyword che aiutano nell’ottimizzazione del testo.

Iscrivere il sito nelle principali directory italiane come Dmoz, evitare le directtory troppo generiche o con basso PR o addirittura nullo.
Fare dei feed in formato xml e divulgarli tramite gli aggregatori di notizie, cambiando sempre però il testo dei feed in modo da non creare doppioni delle propri pagine.

Per i feed sarebbe meglio utilizzare un riassunto invece di inserire l’articolo completo, inserendo sempre un link alla home page. Questo per evitare che l’articolo venga copiato interamente da altri siti o aggregatori  che possono generare duplicati e penalizzare sorpassando il sito originale in SERP.

La cosa più importante e sicuramente però creare contenuti di qualità che le persone possono apprezzare e divulgarli magari tramite Facebook, Myspace,  Google Plus e Twitter etc.

Partecipare attivamente a forum del settore e instaurare rapporti di collaborazione con altri webmaster senza tuttavia cadere nella trappola degli scambi di link che sono vietati dalle regole di Google.

La cosa più importante poi è seguire cecamente le regole per webmaster di Google.