Il Seo Contest Guru of Future in giro per l’Italia

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Seo Il SEO Contest Guru of Future è ormai agli sgoccioli, manca poco più di un mese al traguardo finale.
Chi vincerà il concorso SEO per il miglior posizionamento sul motore di ricerca Google?
Per ora le posizioni sono fissate con un sito con le keyword nel nome a dominio che da mesi domina la Serp, ma c’è ancora tempo per la rivoluzione.

Cosa ha fatto il nostro SEO Guru in questi mesi?

Ha viaggiato per l’Italia con un furgoncino colorato dei vecchi anni 60 stile hippy, con tutti fiori sulla carreggiata e una marea di tifosi che lo aspettavano per applaudire il vincitore di questa sfida per webmaster che sta diventando sempre più faticosa.

La prima tappa è stata Venezia, dove il nostro Guru si è divertito a ondeggiare sul Canal Grande su una gondola che galleggiava in preda a una marea di keyword stuffing e di penalizzazioni…forse al gondoliere girava un po la testa poverino…..

La seconda tappa è Padova…una bella gita alla per visitare San Antonio.
Forse pensava che il Santo potesse fare qualcosa per aiutarlo a posizionare la keyword “Guru of Future” e ha lasciata una monetina per accendere una candela.

La terza tappa dell giro per L’italia del nostro webmaster sempre più preoccupato è Verona.
Una visita all’Arena, alla casa di Romeo e Giulietta, al Teatro Romano e sul Lago di Garda per annegare la disperazione di essere di nuovo in quinta pagina dopo tanta fatica.

Dal Lago di Garda è passato direttamente al Trentino per fare una bella scivolata dalla 5 pagina alla 10 pagina della SERP, perdendo il posizionamento acquisito in precedenza. Forse il Nostro Guru non sa sciare molto bene o forse la bellezza dei paesaggi lo hanno incantato sulla via per il Contest Guru of Future.

Il nostro novello SEO si è tuttavia gustato una bel piatto di castagne degustando soavemente un bicchiere di vino rosso doc mentre si preparava a sonnecchiare in una calda baita di montagna davanti a un camino acceso.

La tappa successiva è Milano, dove il nostro Guru of Future ha assistito a una sfilata di moda, mettendo in fila tutti i motori di ricerca in primis Google e Yahoo, per calcolare metro per metro quanta stoffa potrebbe servire per fare l’abito del vincitore, con paillettes e lustrini colorati.

Una curva veloce al Gran Premio di Imola per guidare la Ferrari Testa Rossa e arrivare primo al traguardo finale del posizionamento e l’ottimizzazione di Google, ha fatto sobbalzare il nostro SEO Guru sulle sospensioni laterali dopo la frenata brusca e improvvisa data dalla penalizzazione algoritmica.

All’aquario di Genova il novello webmaster ha ammirato le vasche con gli squali  per capire da chi difendersi e ammirato i cavallucci marini e le stelle marine che ondeggiavano nel vasto mare delle keyword stuffing e delle strategie per ottenere visibilità e Trust Rank.

Non poteva mancare un giretto nella capitale, Roma, per ammirare la Fontana di Trevi da dove sfavillavano e brillavano le keyword e un entrata emozionante al Colosseo per combattere contro i gladiatori, Google Panda, Penguin e i Blak Hat SEO.

Scendendo verso la Campania, un giretto a Napoli per acquistare un amuleto, pensando che forse un po di fortuna ci vuole nella vita per vincere un concorso di posizionamento SEO.

In Sicilia Il nostro provetto SEO si ferma per ammirare “La Valle dei Templi” a Agrigento con la speranza che il contest per il posizionamento lo faccia diventare un famoso come gli antichi Dei.
Forse un po di umiltà ci vorrebbe, ma come si dice “aiutati che il ciel ti aiuta!”

Dopo aver ammirato gli antichi reperti un bel bagno nel mare di Keyword della Sicilia, anche se fa un po freddo un questo periodo.
Ma il nostro Guru of Future è davvero coraggioso per poter vincere la gara di posizionamento sui motori di ricerca più lunga del 2012.

Il Seo Contest Guru of Future e la gastronomia

Spaghetti e pizza? Cosa piace al nostro Guru of future?

Gastronomia e ricette, parole magiche che possono far innamorare i buon gustai di tutti i paesi e le latitudini, dal nord al sud, da oriente a occidente. Ogni regione,  paese o città  hanno  prodotti tipici eno-gastronomici che li rendono unici e sono le principali attrazioni per i turisti in occasione delle fiere o delle sagre.

Il SEO Guru of Future che ha visitato tutta l’italia ha assaggiato in ogni regione un piatto tipico tradizionale  o tipico del luogo. Perché un contest per webmaster può anche parlare di ricette e cucina; l’importante è parlare,  parlare…. e sopratutto partecipare, vincere sarebbe ancora meglio.

Il nostro SEO Guru è appassionato della dieta mediterranea, di olio extravergine d’oliva, di vino novello, di tartufi, spaghetti e naturalmente di pizza, una delle specialità italiane più conosciute nel mondo.

Quello delle ricette è una nicchia  molto competitiva sui motori di ricerca(Google) e ottenere un buon posizionamento non è per nulla facile. E’ quindi necessario ottimizzare bene il proprio sito  e proporre contenuti sempre originali e sfiziosi.

Ma andiamo per ordine, cercando di elencare regione per regione alcuni piatti tipici e vini che tanto danno prestigio all’Italia e sono piaciuti al nostro SEO guru Of Future.

In Valle d’Aosta il piatto preferito del nostro SEO Guru è stato sicuramente il fromadzod, un formaggio molto gustoso fatto con il latte delle mucche che vivono negli alpeggi in alta montagna; in Piemonte come non ricordare il Castelmagno dal gusto saporito e piccante; in Liguria il Bagos e la farinata di ceci; in Lombardia la Cotognata  e il Carpione; in Trentino il Puzzone di Moena, in Friuli Venezia Giulia il formaggio salato e in Veneto il formaggio embriago, la polenta con il baccalà e la soppressa.

In Emilia Romagna una bella scorpacciata con il Crudo San Daniele e i gustosissimi funghi hanno allietato le serate del SEO Guru of Future; in Toscana il pecorino sott’olio, in Umbria il pecorino di Norcia e nelle Marche la Caciotta di Urbino e altre prelibatezze…assaporate nel resto della penisola.

Per brindare il SEO  Guru ha voluto provare tutti gli spumanti e i vini di ogni regione…forse ha esagerato un po, visto che alla fine del Tour in Italia è tornato un po ingrassato e con un leggero mal di testa.

Scritto da