Lavoro: ecco quali saranno le professioni più ricercate nel futuro

Bilancia
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

lavoroIn periodo di crisi, quando trovare lavoro è una chimera sempre meno raggiungibile, è bene informarsi per cercare di prevedere quali siano le professioni che offrono sbocchi lavorativi più concreti per cercare di incanalare nel miglior modo possibile le proprie attitudini e i propri interessi in professioni che offrano reali possibilità di impiego.

Gli studi del settore evidenziano come la possibilità di trovare lavoro nel futuro sarà legata a due aspetti diversi e opposti tra loro: le professioni dove è richiesta alta specializzazione da un lato e il lavoro non qualificato sul versante opposto.

L’invecchiamento progressivo della popolazione, associato ad una minore disponibilità di tempo per prendersi cura degli anziani, farà crescere la domanda di badanti e assistenti domiciliari, ma anche di infermieri ed in generale di tutte le professioni sanitarie paramediche (soprattutto quelle in ambito riabilitativo fisioterapisti e logopedisti).

A proposito del personale paramedico va però sottolineato un aspetto che per qualche verso ha del grottesco: a fronte della necessità numerica di infermieri e delle altre professioni sanitarie non sempre corrisponderanno nuove assunzioni a causa della crisi economica in atto e dei tagli al settore sanitario italiano alla ricerca di un nuovo assetto dopo anni di sprechi.

Con l’avanzare delle nuove tecnologie diminuirà la richiesta di operai, mentre, nelle aziende, aumenterà quella di addetti alle pulizie, operai specializzati metalmeccanici ed impiegati amministrativi. Buone le prospettive anche per gli addetti alla gestione del personale. In ambito aziendale verranno sempre più richieste figure quali gli specialisti in scienze economiche, ma anche i legali esperti nell’ambito imprenditoriale.

Tempi duri aspettano gli operai del settore agricolo e di quello tessile, in quest’ultimo campo la concorrenza della manodopera straniera a basso costo e la crisi economica rappresentano gli spauracchi più temibili.
Tiene ancora il mercato dei call center, ma con retribuzioni davvero poco incoraggianti per chi volesse cimentarsi in questa professione.

Negli ultimi anni si è assistito alla ricerca di figure professionali come panettieri e pasticcieri la cui richiesta si mantiene sostanzialmente stabile, soprattutto per la carenza di personale specializzato in questo settore. In costante crescita la richiesta di personale alberghiero dagli chef ai camerieri, dai sommelier agli operatori turistici.

Le figure tecniche continueranno ad essere richieste, oltre i tecnici amministrativi, dei quali proseguirà la richiesta come già accennato in precedenza, si assisterà ad un aumento della richiesta di ingegneri, architetti, fisici, chimici ed informatici.

Relativamente alle professioni legate al web si osserva un incremento di quelle legate alla progettazione e allo sviluppo di siti, mentre quelle legate all’ideazione e allo sviluppo dei contenuti continueranno ad avere un mercato meno qualificato.

Anche per chi sceglie la professione medica le prospettive sono rassicuranti sia in ambito di lavoro dipendente che nel campo della libera professione.

Il mondo del lavoro, come tutti sappiamo, cambia anche in relazione alle nuove esigenze che vengono a crearsi. L’inquinamento, la crisi energetica hanno portato ad iniziative governative atte ad incentivare le nuove energie.
In quest’ambito verranno richieste figure professionali classiche quali operai, trasportatori, venditori e figure più specializzate quali addetti alla ricerca e alla progettazione.

Per concludere questa panoramica ecco i risultati di una ricerca curiosa, che a qualcuno può apparire come fantascientifica, ma che nasconde qualcosa di vero sulle nostre prospettive future. Si tratta di quella condotta da Fast future, un ente privato britannico che si occupa di analizzare e prevedere i trend del futuro e che ha ipotizzato le nuove figure professionali che nasceranno e saranno richieste in un futuro che si ipotizza neppure troppo lontano. Tra le numerose indicate ve ne proponiamo alcune:

  • consulenti per gli anziani che aiuteranno gli appartenenti alla terza età alle prese con problemi di salute e di forma psico-fisica;
  • medici esperti in nanotecnologie;
  • medici esperti in tecniche ed interventi atti ad incrementare la memoria umana;
  • produttori, rivenditori e manutentori di parti del corpo;
  • operatori turistici per viaggi interplanetari. In previsione di un turismo spaziale si ipotizza la richiesta di piloti, guide turistiche, ma anche progettisti per strutture turistiche di accoglienza nello spazio;
  • progettisti e costruttori di nuovi mezzi di trasporto che utilizzeranno tecniche innovative e carburanti alternativi;
  • agricoltori e allevatori specializzati in genetica in grado di lavorare su campi ed animali modificati geneticamente anche per migliorarne gli effetti terapeutici;

Relativamente al crescente utilizzo del computer e della rete Fast future ipotizza la nascita di figure professionali dedicate. Tra queste:
Addetti alla cancellazione dei dati personali, si tratterà di tecnici specializzati nell’eliminazione dei dati presenti in database virtuali;
Consulenti alla vita virtuale, si tratterà di professionisti che aiuteranno gli individui a gestire i rapporti virtuali dalle e-mail alle varie identità virtuali che potranno assumere;
Psicologi, sociologi e assistenti sociali dei social network che aiuteranno le persone che hanno rapporti sociali virtuali difficili o patologici.

Scritto da
crediti foto:http://www.freedigitalphotos.net/