L’olio essenziale di vetiver

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Già nell’antichità l’olio essenziale di vetiver, una pianta originaria dell’India dal gradevole profumo esotico, veniva utilizzato per profumare gli ambienti e tenere lontani gli insetti dalle case.
Ai giorni nostri viene impiegato in profumeria per creare fantastici e pregiati profumi e in aromaterapia per curare gli stati d’ansia, ma anche per la pelle grassa, i dolori muscolari e per la circolazione del sangue nelle gambe.

Per le giovani fanciulle può essere utile per i foruncoli e la pelle grassa ad esempio mettere in 200 ml di acqua 10 o 12 gocce di olio essenziale e con delle garze fare degli impacchi 2 volte la settimana.

Per chi invece alla sera si sente stanco o ha le gambe gonfie un bel pediluvio in una bacinella con 10 gocce di olio essenziale di vetiver può dare un rapido sollievo e anche alleggerire l’ansia di una giornata di duro lavoro. La magia dell’olio essenziale renderà più leggere e scattanti le gambe, togliendo la stanchezza e magari consentendo di passare una bella serata magari in discoteca ballando.

Per chi adora il suo profumo e la sua magia può essere utile tenerlo in borsetta o versare alcune gocce su un fazzoletto per alleviare la tensione e l’ansia o magari solo per risollevarsi il morale o prendere coraggio in situazioni difficili.

Per l’ansia o le palpitazioni a chi crede nella cristalloterapia consiglio di associare il cristallo bianco o rosa e in generale tutte le pietre calmanti come la giada verde o bianca o l’ametista che con il suo colore viola invita alla meditazione a alla pace.

Scritto da