Maggio: nell’orto e nel giardino

giardinaggio
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Cosa piantare a Maggio, il mese delle rose?

giardinaggioLa primavera è finalmente sbocciata. Anche questo mese i lavori da fare nell’orto e nel giardino sono numerosi se si vuole godere di bellissimi fiori e di frutta succosa e buona.

Per cominciare, nel giardino è il tempo dei primi trapianti, bisogna diradare le semine fitte per facilitare una crescita rigogliosa e fare i primi trattamenti contro gli afidi,le dorifore delle patate, le larve delle nottue, le lumache, i grillotalpa e le erbe infestanti.

Per chi ha il pollice verde e ama i fiori è il momento di seminare nel giardino fiori come agerato, altea, astro, bella di giorno, bella di notte, cipressino, cineraria, cosmea, digitale, calla, ciclamini, nasturzio, papavero, fiordaliso, garofano, primula, speronella, nasturzio, verbena e numerosi bulbi come calla, commelina, mughetti, nerina, canna indica, peonie, dalie, gladioli e peonie.

Per chi vuole deliziare la tavola con frutta e verdura di propria produzione può seminare all’aperto anguria, arachide, barbabietola, basilico, bieta, carciofo, cardo, carote, cavolfiore, mais dolce,melone, pisello, pomodoro, prezzemolo e alcune erbe officinali come lavanda, melissa, maggiorana, salvia, tarassaco, poi rosmarino, ruta, santoreggia e anche i gustosissimi funghi.

Chi ama la frutta deve stare attento alla perinospora, alla ticchiolatura per melo e pero, al mal della bolla del pesco e alla muffa grigia che attacca lamponi, fragole e more.

Il giardiniere può seminare nuovi tappeti erbosi e tagliare quelli esistenti una volta alla settimana.
Maggio però è il mese della rosa, la regina dei fiori, acclamata e elogiata da poeti e artisti fin dalla notte dei tempi.
Un bellissimo e profumatissimo fiore amato dalle donne, la rosa ha numerose forme e colori e predilige ampi volumi di terreno anche se alcuni tipi si possono piantare in vaso che deve avere un buon drenaggio fatto con argilla espansa o mattone frantumato.

La miscela adatta è fatta di terra di campo e terriccio organico con concime come farina d’ossa o concime formato da azoto, fosforo e potassio. L’irrigazione deve essere frequente.
Per le rose in vasi grossi che non si possono spostare, a maggio è necessario rinnovare il terriccio mentre ogni 5 anni è necessario rinvasare completamente. Per rinnovare il terriccio è sufficiente grattare delicatamente la terra fino a 5-10 cm facendo attenzione alle radici e mettere quella nuova comprimendo bene sopra le radici e il colletto.

Curiosità del mese: proprietà delle rose

Le rose non si trovano solo nei giardini  e nei vivai ma anche allo stato naturale; esistono varietà note non solo per la  bellezza ma anche per i poteri curativi come la Rosa Gallica, con petali profumati ricchi di una sostanza colorante, la cianina, di tannini e acido gallico.  I petali hanno un’azione tonica e astringente e vengono spesso utilizzati per fare dei colliri.

Con i frutti  della Rosa Canina, ricchi di vitamina C,  in cucina si preparano  marmellate e liquori.Le rose coltivate sono ottime anche nell’insalata. Dai fiori della Rosa Damascena si estrae un olio essenziale usato in profumeria e in cosmetica. L’acqua di rose è un potente tonico che rende luminosa e fresca la pelle del viso. Ottima per brufoli e punti neri.

Insomma la rosa è la “Regina dei fiori”!

Scritto da