Pronto soccorso naturale in vacanza

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

vacanzaLontano da casa, immersi nell’atmosfera allegra e spensierata della villeggiatura, spesso non si dà la giusta attenzione alle possibili problematiche in cui si può incappare: leggeri ma fastidiosi malesseri che, se non efficacemente affrontati, possono realmente rovinare le vacanze!

La natura al servizio della salute

Utilizzando l’espressione “rimedi naturali” s’intende tutta quella serie di pratiche igienico-salutiste messe in atto mediante gli elementi che la natura offre: acqua, argilla, tisane verdi, oli essenziali e quant’altro.
Tali composti, pur non detenendo la stessa velocità e lo stesso potere d’efficacia dei farmaci chimici, garantiscono il rispetto sia dell’ambiente che della persona, non essendo assolutamente tossici ed inquinanti; così in maniera del tutto naturale possono essere debellati gli eventuali disagi passeggeri spesso tipici delle vacanze.

Problemi, sintomi e soluzioni

Con le prime esposizioni al sole, vuoi per una poco attenta protezione della pelle, vuoi per il solleone che non lascia scampo, può accadere di sviluppare dolorosi eritemi solari, spesso molto difficili da lenire in poco tempo, caratterizzati da pelle arrossata e dolente, unita talvolta a prurito e febbre.
In questo caso l’intervento omeopatico può essere risolutivo, affidandosi nello specifico ai granuli di Belladonna 9 CH, da alternare a quelli di Apis 9 CH.
Localmente possono essere applicate delle fette di patata cruda, del gel di aloe o una pomata alla calendula.

Per affrontare invece problemi di tipo intestinale, quali attacchi di dissenteria, in genere causati da virus, batteri o parassiti, è possibile ricorrere al consumo di argilla (un cucchiaino sciolto in mezzo bicchiere d’acqua), da ingurgitare subito dopo ogni evacuazione.
Oppure si può optare per le gocce di Potentilla TM o per i granuli di Phodophyllum 7 o 9 CH, entrambi nelle dosi indicate sulle rispettive confezioni.

Altro problema ricorrente e non solo in vacanza, è l’acidità di stomaco, provocata più che altro dall’infiammazione delle pareti gastriche, la quale trasmette la sensazione di bollore e corrosione interna.
Essa può essere alleviata utilizzando un cucchiaino di argilla verde, da sciogliere in acqua tiepida.
A livello omeopatico si può scegliere tra le gocce di Ficus carica od optare per l’ingestione di succo di cavolo per qualche settimana.

Gli adulti, ma anche i bambini, in villeggiatura sono spesso preda degli insetti e delle loro fastidiose punture, le quali comportano prurito o dolore e bruciore.
Per renderle meno problematiche, si può ricorrere, anche in tal caso, ai granuli di Apis 9 CH, applicando sulla zona colpita olio essenziale di lavanda e patata cruda.

Infine, una problematica essenzialmente femminile che di manifesta soprattutto in ferie, è la vaginite: infiammazione delle mucose vaginali dovuta ad un lievito benigno (come la Candida) o a più pericoli funghi parassiti. Essa comporta prurito, perdite biancastre e bruciori notevoli.
Per alleviare il fastidio può essere applicato internamente dello yogurt bianco intero, alternandolo all’uso di ovuli di argilla, calendula o propoli.
Per le più temerarie è possibile anche assumere per bocca dell’aglio fresco o in capsule.

Morale della favola: inutile affidarsi esclusivamente alla chimica quando la natura ci offre rimedi semplici e salutari per ogni fastidio!

Scritto da Valentina Lizza

foto crediti: http://freedigitalphotos.net/

L’articolo è finito se vuoi puoi leggere anche: