Quel tocco in più: le sopracciglia

La bellezza delle sopracciglia
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

La bellezza delle sopraccigliaIl viso si sa è il biglietto da visita di ogni persona, qualunque relazione interpersonale si voglia intrecciare.

Esso va quindi trattato con cura e costanza, senza tralasciare anche i minimi dettagli, come quello fondamentale che ne rappresenta la cornice per antonomasia, ovvero le sopracciglia.

Soprattutto in questo nuovo anno esse risultano essere ai primi posti nella classifica delle nuove tendenze in relazione a vari aspetti: spessore, forma e colore.

Come portarle: spessore e forma

I must delle case di moda parlano chiaro: le sopracciglia attualmente vengono sfoggiate “naives”, ossia senza l’apparente utilizzo di pinzette ad aggiustarle. Il richiamo è prima di tutto alla naturalezza, raggiunta tramite effetti d’imperfezione che donano al viso una propria unicità senza tuttavia stonare esteticamente; d’altronde la vera bellezza mediterranea è incarnata nella pienezza e nell’abbondanza  entrambe sintomo di carattere e personalità. Non a caso, la depilazione sopracciliare che crea archi sottilissimi non trasmette il medesimo entusiasmo al risultato finale d’insieme.

La tendenza al folto è stata ripresa dalle vip degli anni Ottanta, forse le prime ad evidenziare la particolarità delle sopracciglia in grassetto; però occorre comunque considerare con attenzione un particolare: l’effetto folto dona maggiormente ai visi scuri dai tratti decisi, meno invece alle bionde dai tratti delicati.

La forma possibile invece non vede particolari novità: indipendentemente dallo spessore scelto, in base alle caratteristiche e all’espressività del proprio viso, si può scegliere fra lo stile ad arco o ad ali di gabbiano.

Come trattarle e truccarle: depilazione e colore

Esistono vari stratagemmi per riuscire a valorizzare al meglio le proprie sopracciglia, ad iniziare da una corretta depilazione che ovviamente non vada a pregiudicare l’estetica che si preferisce ma che regali un effetto ordinato e naturale. Abbondanza sì, ma senza esagerare!

E’ bene quindi, utilizzando apposite pinzette, ripulire l’area sotto i due archi  dai piccoli peli che crescono al di fuori della rima sopracciliare, effettuando la stessa operazione anche per i peli che spesso originano sull’attaccatura del naso tra i due occhi (vade retro all’effetto monociglio!).

Poi si consiglia di pettinare l’arco in orizzontale verso le tempie accorciando con delle forbicine i peli troppo lunghi.

Se si preferisce un look più marcato, le sopracciglia possono anche essere fissate con un gel specifico; mentre in caso di eventuali diradamenti localizzati, si possono ripassare con una matita a punta dura dello stesso colore della peluria naturale, senza calcare eccessivamente il tratto.

Per quanto riguarda invece il trucco, è importante basarsi sul tipo di sopracciglio: se folto è bene muoversi con mano lieve, quindi ombretto solo sulla palpebra mobile, preferendo colori scuri, quali antracite, castagna e blu notte in caso di occhi scuri; senape prugna ed arancio per quelli chiari. Evitare l’eyeliner a favore della classica matita, da applicare esclusivamente sulla rima palpebrale inferiore e sull’angolo esterno. Abbondare con il mascara.

E’ possibile accentuare il make up, soprattutto per un evento serale, sfruttando il celeberrimo trucco smokey sui toni del grigio, colore adatto a tutte. Anche in questo caso per dare un tocco in più la regola è applicare tanto mascara, così da evitare l’applicazione delle ciglia finte, spesso fautrici di uno sguardo troppo pesante.

Scritto da