Sarawak e Bako National Park tra scimmie nasiche e orangutang.

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Scimmia nasicaIl Sarawak è uno dei territori che fanno parte del Borneo malese e ha come capitale Kuntching, una splendida città il cui nome significa “gatto” nella lingua locale e i cui abitanti rispettano il significato dedicando feste e statue a questo animale. Kuching è situata sullo splendido fiume Sarawak che è possibile navigare grazie alle tipiche barchette guidate dai pescatori locali per arrotondare gli introiti mensili.

A circa 30 km dalla capitale è situato uno ei più belli parchi del Sarawak, il Bako National Park. Per arrivare al parco è necessario navigare il tratto del fiume Sarawak che sfocia nel mare e proseguire per un tratto su questo ultimo. Alcuni cartelli, posti sul molo dell’imbarco, ricorderanno di stare molto attenti ai numerosi coccodrilli che abitano il fiume. Arrivati al Bako, la prima cosa che si vedrà sono le mangrovie che circondano il parco e tra le quali vivono numerose specie animali tra cui enormi granchi.

Per visitare il Bako bisogna immergersi nella fitta jungla stando attenti a non toccare niente, persino tra le discese scoscese e le arrampicate nell’umido terriccio, a causa dei serpenti velenosi. Un’altra cosa alla quale bisogna stare attenti sono le sanguisughe che a volte dagli alberi cadono addosso attaccandosi in pochi momenti alla pelle.

Camminare per ore nella jungla con un terribile caldo umido non è per niente facile, ma scorgere tra la vegetazione, dopo ore di cammino, stanchezza e bagni di sudore, una splendida spiaggia con tanto di mare cristallino in cui tuffarsi non ha prezzo!

Oltre alla rigogliosa vegetazione, che rende omaggio alle più mitizzate fantasie sulla jungla, si possono avvistare le rarissime scimmie Nasiche, chiamate dai locali Monyet Belanda “uomo olandese” grazie alla somiglianza da loro riscontrata con i vecchi colonizzatori olandesi descritti come uomini panciuti e dal naso grosso.

Avvistare una Nasica è un’esperienza unica, il volto e il corpo di questo animale sono sorprendentemente simili a quelli umani grazie alle sue dimensioni, al lungo naso e al corpo panciuto e dai lunghi arti. Molti testimoni affermano di aver visto queste scimmie prendere il sole o nuotare e giocare nel mare.

Oltre alle Nasiche è anche possibile avvistare macachi, serpenti, rane, e il simpaticissimo maiale barbuto. Nel tragitto oltre ai citati animali, si possono vedere meravigliose piante carnivore come le Pitcher Plants.

Un altro posto che merita sicuramente una visita da Kuching è il Centro di Riabilitazione di Semenggoh che ha lo scopo di curare e rimettere in libertà animali selvatici tipici della zona. Tuttavia il programma che ha reso famoso questo centro è la riabilitazione degli Orangutang (uomini della foresta nella lingua locale) che ha permesso la reintroduzione di questo animale fortemente a rischio estinzione, nel suo habitat naturale.

Visitando il centro è possibile vedere decine di Orangutang in libertà che tornano al centro nelle ore dei pasti. Questi possenti animali dal lungo mantello rosso sono uno spettacolo imperdibile, ed è incredibile vedere alberi centenari piegarsi al peso di questi animali mentre saltano da un arbusto all’altro.

Il centro mette a loro disposizione anche delle corde e una piattaforma sulla quale vengono messe quantità di frutta che richiamano anche altri tipi di animali come gli scoiattoli volanti. Non è raro che questi animali si avventurino all’interno del centro tra i turisti, in questi casi è fondamentale non avvicinarsi e non guardarli negli occhi, un’esperienza del genere di sicuro non si scorderà facilmente.

Scritto da Manuela Coco.