Primavera e rimedi dolci

Bellissima donna in un prato“Aprile dolce dormire”… mai frase fu più giusta ed azzeccata! Un proverbio popolare a sfondo laico, riguardante le abitudini indotte dalle particolari incombenze meteorologiche del mese stesso, tra le quali vi è ad esempio il primo caldo, un senso di agiatezza generalizzata e soprattutto una forte sensazione di stanchezza, il tutto dovuto al tepore di tale periodo annuale. Effettivamente questa realtà è riconosciuta anche clinicamente: trattasi di astenia, dal termine greco “stenos”, ovvero “mancanza di forze”. Perché sopraggiunge questa problematica è facilmente intuibile: le giornate diventano più lunghe e l’organismo deve necessariamente adattarsi all’aumento delle ore di luce. L’astenia può durare pochi giorni come un paio di settimane o più e non sempre è sufficiente solo aumentare i momenti di riposo e relax. Una grande percentuale di soggetti ritrova nell’arrivo della primavera non solo il bel tempo e le belle giornate di sole, ma anche disturbi fastidiosi, spesso invalidanti quali appunto l’astenia (ovvero un’accentuata stanchezza), la mancanza d’iniziativa e di stimoli, scarso entusiasmo, difficoltà di concentrazione e memoria. Continua a leggere