Un’efficace alternativa: la Naturopatia

olio essenziale
Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

olio essenzialeQuella preoccupante scatoletta che gira e rigira fra le mani, mentre ci si stressa al solo pensare a tutti gli eventuali effetti collaterali derivanti dall’utilizzo di un solo, banale farmaco!
Per rimediare a piccoli ma fastidiosi problemi l’iter è sempre lo stesso: farmacia, casa e bugiardino “papiro” srotolato in fretta e in furia, per capire risolvendo un guaio quanti altri se ne creeranno!

Una mano dalla natura

Se la scena sopra descritta è sempre stata la routine, attualmente la situazione sembra gradualmente mutare: la preoccupazione e l’ansia per la pericolosità dei farmaci è troppo stressante a livello cerebrale e fisico, tanto che ritorna sulla cresta dell’onda il famoso “richiamo della natura”, con la cosiddetta Naturopatia, scienza medica alternativa che sfruttando tutto ciò che madre natura mette a disposizione nell’ambiente, può ridare stabilità ai piccoli e ricorrenti squilibri in cui spesso l’organismo incappa.
Il bello di questa arte medica è la sua capacità di donare un benessere globale che va oltre al trattamento ed alla cura dei singoli sintomi.

I metodi naturopatici

La Naturopatia è decisamente una realtà complessa, fatta di tante sfumature minori, ciascuna avente le proprie funzionalità.
Esiste la Fitoterapia basata sull’utilizzo degli estratti delle piante, l’Omeopatia riguardante soprattutto l’uso di oli terapeutici, l’Aromaterapia incentrata sull’uso di aromi e profumi specifici nonché l’Ayurveda medicina orientale improntata sull’equilibrio di corpo e mente.
Ciascuna di queste pratiche affronta in maniera differente ma comunque efficace i fastidi più diffusi, in particolare tra le donne!

Fastidi e rimedi dalla Naturopatia

Per combattere l’odiato e comune mal di testa, spesso dovuto ad eccessivi accumuli di stress, la Fitoterapia consiglia di assumere capsule di artiglio del diavolo secondo posologia prescritta, ma solo nel caso non si soffra di ulcera.
L’Omeopatia invece offre come soluzione l’arnica in granuli da assumere per almeno un paio di giorni.

Per alleviare i fastidi della sindrome premestruale, quali crampi, gonfiori, sbalzi d’umore è ottimo il magnesio in polvere da prendere con dell’acqua tiepida, mai fredda.
Nello specifico la Fitoterapia consiglia di consumare ribes nero, enotera e borragine sottoforma di perle gelatinose.
Il rimedio omeopatico invece prevede l’assunzione di Belladonna 5 CH in granuli.

Nel caso si soffra invece di stitichezza, con conseguente pesantezza e gonfiore, si può ricorrere ai fermenti lattici.
A livello fitoterapico possono essere assunti i semi di psillio, di lino, di sesamo o di papavero sottoforma di infuso creato facendo riposare in acqua per una notte i semi prescelti e lasciandoli poi sul fondo del bicchiere. All’occorrenza si può optare anche per la senna da assumere in pastiglie.
Per una stitichezza occasionale e non patologica, l’omeopatia consiglia la nux vomica 5 CH in granuli.

Maggiormente diffuse tra gli uomini, anche le emorroidi possono essere contrastate tramite un intervento naturopatico.
La Fitoterapia ad esempio consiglia pomate oleose a base di tintura di cipresso, ottima per il suo potere analgesico; nel caso di forte sanguinamento è bene optare per l’hamamelis sia in pastiglie che in crema; infine per rinforzare le pareti venose e prevenire il problema si può ricorrere ai fiori di peonia ricchi in flavonoidi e tannini ed esistenti sottoforma di tisane o gocce di tintura madre.
Nel caso dell’omeopatia invece le emorroidi possono essere debellate utilizzando l’aesculus hippocastanum 5 CH o l’aloe 5 CH, entrambi in granuli. Per rimediare ad eventuali forti dolori si può usare l’arnica 5 CH o la lachesis 9 CH, anch’esse in granuli. Infine per bloccare il possibile sanguinamento basta scegliere la collinsonia 5 CH in granuli.

E’ chiaro quindi che, grazie alla naturopatia, ci si può curare con efficacia ma senza alcun effetto collaterale!

Scritto da Valentina Lizza

L’articolo è finito se vuoi puoi leggere anche: