Vacanze di Pasqua: perchè non visitare un castello?

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Avete già deciso cosa farete a Pasqua e a Pasquetta?
Di solito si fa un bel picnic in campagna con tanto di cesto, uova di cioccolata e colomba, ma anche un bel week end in un luogo romantico come un castello potrebbe essere una valida alternativa.

I castelli e i manieri in Italia sono numerosi in tutte le regioni, quindi basta saper scegliere la località più vicina o la più lontana se pensate a un soggiorno più lungo.

La visita a un castello è sempre un’esperienza indimenticabile, trasmette il fascino e il romanticismo della storia medioevale, alimenta il ricordo di antiche passioni, i sospiri delle castellane o delle damigelle, oppure trasmette il buio tremore delle leggende sui fantasmi o il ricordo degli antichi cavalieri.

Oggi voglio parlarvi del castello di Montmayeur, risalente alla fine del 1200, in Valle d’Aosta a Arvier.
Per raggiungerlo partendo da Aosta dovete prendere la statale 26 e andare verso Courmayeur e la Valgrisanghe.
Dopo una galleria si vede il sentiero che porta al castello che purtroppo il tempo e la storia hanno distrutto quasi completamente lasciando solo una torre circolare merlata e pochi ruderi.

Il fascino della torre è rimasto intatto e rivela il suo scopo difensivo essendo eretta su un’altura che sovrasta la valle sottostante.
La vegetazione si fonde con le rovine creando un magico paesaggio sopratutto all’imbrunire e all’alba, quando le prime luci del sole iniziano a illuminare il castello creando uno scenario da favola.

Le rovine del castello vero custode del luogo, sembrano raccontare una storia antica che solo i poeti o gli animi romantici sanno cogliere.
Il verde degli alberi sembra quasi nascondere la torre antica quasi a preservare i suoi antichi tesori e la sua storia medioevale.

Vistatelo se amate gli antichi manieri e il fascino delle cose perdute.