Viaggi avventurosi:il Parco Kruger in Sud Africa

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Avete mai immaginato di vivere come Tarzan nella giungla? In una graziosa capanna fatta tutta in legno su un gigantesco albero con tante liane e un ponticello di legno e corde che la collega con la terra o la savana? Oppure di sentire il cuore pulsante dell’Africa più selvaggia, i rumori ancestrali della foresta primordiale con l’eco dei tamburi o il ruggito dei leoni in lontananza?

Il Sud Africa offre infinite possibilità al turista in cerca di avventure, safari fotografici, luoghi misteriosi ma anche tranquille oasi, pace e tranquillità, incontri con animali selvaggi e tramonti mozzafiato in riserve incontaminate.Il Sud Africa non finisce mai di stupire; dall’alba al tramonto i suoni degli uccelli, il fruscio degli alberi della foresta, le note soavi dello scorrere a volte lento a volte impetuoso dei suoi fiumi e laghi e il ricordo di antichi popoli trasportano il turista in un’avventura indimenticabile lontano dai rumori e dal caos delle grandi città.

In questo splendido e solare paese il parchi e le riserve naturali sono numerose, così come le offerte per il pernottamento, i tour organizzati a piedi o in jeep per safari fotografici con guide locali.

Uno dei parchi più belli è sicuramente il Parco Kruger, la più grande riserva naturale del paese africano.  La riserva che si estende per 20000 chilometri quadrati,  appartiene alla “Kruger to Kanyon Biosphere” (Biosfera dal Kruger ai Canyon),  designata dall’Unesco come Riserva Internazionale dell’Uomo e della Biosfera ed è suddivisa in 6 ecosistemi.

La flora è molto variegata con 1900 specie di piante, boschi di acace, sicomori, salici spinosi e un’estesa e bellissima savana regno di leoni e altri animali selvaggi. Nella riserva naturale vivono anche bufali, leopardi, rinoceronti bianchi e neri, elefanti, zebre, ghepardi, giraffe, ippopotami, impala, antilopi, iene, facoceri e numerosissimi uccelli, rettili, pesci e anfibi. I coccodrilli fanno parte del panorama e non si può non ammirare il tramonto del sole sul Crocodile River, il fiume dei coccodrilli che nuotano numerosi nell’acqua.

Al limite del parco Kruger si trova la riserva privata di Richard Branson, un ricco inglese che finanzia progetti ambientalisti e umanitari rivolti alle popolazioni locali, con una bellissima tenuta composta da 21 suite a basso impatto ambientale.

Nella struttura potete vivere l’esperienza di un soggiorno in una capanna sull’albero raggiunta solo da un ponticello fatto con legno e corde. Tutto sembra come incastonato e abbarbicato dentro una collina che sovrasta l’ampia vallata della savana. Le suite sembrano appartenere al paesaggio da tempi immemorabili, l’arredamento e caldo e accogliente con tende, cuscini, accessori e suppellettili del luogo tutto in legno o materiali ecologici.

Per il turista che ama la tranquillità e il benessere, massaggi rilassanti con burro di karitè o safari  fotografici nel cuore della foresta o nella sterminata savana.