Viaggi avventurosi:Minorca, le spiagge e il trekking

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Minorca, una delle perle delle Baleari, famosa per le sue spiagge bianchissime, il mare cristallino con l’acqua color turchese della zona a sud e la sabbia rossa della zona più a nord dell’isola, è anche un paradiso per gli amanti del trekking e delle escursioni naturalistiche.

L’interno dell’isola è selvaggio e verdeggiante. Il suo parco, il “Parc Natural S’Albufera”, è stato dichiarato biosfera protetta dall’Unesco per la varietà e la moltitudine di uccelli rari che frequentano le zone paludose e umide come folaghe, aironi e cormorani; rapaci come l’aquila pescatrice, il nibbio e l’aquila pennata.

Anche anfibi rarissimi come la lucertola nera baleare, un’antica lucertola ha trovato qui l’habitat ideale per la sua sopravvivenza.

Non mancano i panorami mozzafiato e alcuni resti preistorici di antiche civiltà che abitavano nei tempi antichi l’isola, pietre leggendarie chiamate Talayots e Navetas.

I subacquei possono ammirare i fantastici fondali del parco marino a nord, visitando le numerose grotte e i relitti, approffittando anche dei numerosi centri di scuba diving.

Anche le zone per fare vela e windsurf non mancano, favorite dal forte vento di tramontana che soffia soprattuto al nord nella baia di Fornells, meta preferita per gli amanti degli sport a vela.

A tutte queste bellezze naturali si aggiunge l’ottima e raffinata cucina spagnola, con ristoranti tipici e piatti a base di pesce freschissimo e ottima carne che proviene dall’interno dell’isola.

Insomma un paradiso per gli appassionati dei viaggi avventurosi ma anche gastronomici, con tanto sole e divertimento.

Scritto da