Curiosità a Parigi:la magia delle bambole

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Chi non ha mai sognato una vacanza in Francia per visitare Parigi e le sue straordinarie bellezze artistiche?
La capitale francese famosa per la rivoluzione francese, il Moulin Rouge, la Torre Eifell, la cattedrale di Notre Dame e lo champagne, è una metropoli ricca di cultura, romanticismo e mistero, una città moderna e vitale legata all’alta moda, alla gastronomia e al lusso ma anche ad antiche tradizioni e miti.
Numerosi sono gli angoli di Parigi da scoprire e valorizzare, i parchi, i piccoli negozietti e i ristoranti tipici legati alla gastronomia parigina.

La storia rivive in ogni angolo della città ricca di itinerari culturali e gallerie d’arte che mostrano al turista quadri e collezioni di artisti famosi di ogni epoca e corrente artistica, musei e laboratori artigianali per il restauro e la conservazione delle opere e dei ricordi più cari come il Musée de la Poupée, il museo della bambola.
In questo straordinario museo sono esposte in trentasei bacheche bambole francesi con la testa di porcellana degli anni che vanno dl 1850 al 1950 e in ventiquattro vetrine bambole che provengono da tutto il mondo.
Annesso al museo il negozio organizza anche corsi per imparare la difficile arte del restauro e della conservazione delle bambole di porcellana.

Tutta la città si può considerare un’opera d’arte dai colori sfavillanti e vivi. Perché non prenotare, approfittando delle offerte last minute di Natale o dell’ultimo, un soggiorno nella città più romantica del mondo nota come Ville Lumière (la “città delle luci”) per una passeggiata lungo la Senna o i Champs-Élysées (i Campi Elisi) o per una visita al Louvre.

Scritto da