Viaggi particolari:il misteri di Gerusalemme

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  

Gerusalemme Sotterranea

Per i turisti che si recano a Gerusalemme, in Israele, una nuova e affascinante possibilità di visitare la città, si è concretizzata negli ultimi mesi con l’apertura di nuove sezioni della cosiddetta “ Gerusalemme Sotterranea”.

Sotto i vicoli affollati e i luoghi sacri della Gerusalemme vecchia, centinaia di persone attraversano le gallerie , le camere a volta medievale e le fognature romane in una città in rapida espansione sotterrane, invisibile dalle strade soprastanti.

Al livello della strada, la Città Vecchia è un enclave energetico e a volte litigioso con un paesaggio fisico, che è prevalentemente islamico e una popolazione che è prevalentemente araba.

Ma nei piani del Primo Ministro Netanyahu, sono stati previsti stanziamenti pari a 115 milioni di dollari per rafforzare l’economia della capitale, in particolare con l’espansione del turismo, con ben 20 milioni di dollari stanziati per la sola costruzione di nuovi hotel a Gerusalemme.

Il progetto di ”Gerusalemme Sotterranea” si inserisce nei piani di sviluppo turistico della capitale dello Stato Ebraico.

Gerusalemme sotterranea è diversa: qui il rumore si allontana, il feroce sole del Medio Oriente scompare, e la luce proviene da lampade fluorescenti. C’è un odore di terra e di muffa, e la geografia ricorda una città ebraica che esisteva 2000 anni fa.

Gli scavi archeologici sotto la Città Vecchia sono contestati da più parti e costituiscono una questione di sensibilità immensa. Per Israele, i tunnel sono la prova della profondità delle radici ebraiche in Israele, e questo ha reso i tunnel una delle attrazioni turistiche principali di Gerusalemme: il numero di visitatori, per lo più ebrei e cristiani, è aumentato drammaticamente negli ultimi anni a più di un milione di visitatori.

Ma molti palestinesi, che rifiutano la sovranità israeliana della città, li vedono come una minaccia alle loro aspirazioni su Gerusalemme. E alcuni critici dicono di porre una esagerata attenzione sulla storia ebraica.

I nuovi tunnel:

Un nuovo collegamento sotterraneo è stato aperto recentemente, collegando più di un miglio (due chilometri) di percorsi sotto la città. I funzionari dicono che almeno un altro importante progetto è in cantiere. Presto, chiunque lo desidera, sarà in grado di spendere molto del suo tempo a Gerusalemme, senza vedere il cielo.

Camminando nella Città Vecchia si può vedere un ingegnere carico di strumenti di rilevazione camminare attraverso una strada in pietra di due millenni fa, fermo sul bordo di una buca, per poi scomparire nel sottosuolo.

Mentre in un labirinto sotterraneo di stanze e corridoi sotto il quartiere musulmano, i lavoratori eliminano macerie e installano bretelle di sicurezza in acciaio per puntellare i fatiscenti archi di epoca mamelucca.

I turisti emergono dai passaggi bui in cui erano entrati un’ora prima nel quartiere ebraico e per poi trovarsi tra i negozi arabi sulla Via Dolorosa , il tradizionale percorso che Gesù fece nella sua crocifissione .

Oppure a sud della Città Vecchia, i visitatori possono entrare in un tunnel intagliato nella roccia da un re della Giudea 2.500 anni fa e camminare con l’acqua fino al ginocchio sotto il quartiere arabo di Silwan . All’inizio di questa estate, un nuovo passaggio è stato aperto nelle vicinanze: Una fognatura che i ribelli ebrei si pensa hanno usato per fuggire dalle legioni romane che hanno distrutto il tempio di Gerusalemme nel 70 A. D.

La fognatura conduce in salita , passando sotto le mura della Città Vecchia prima di espellere i visitatori al sole accanto al recinto rettangolare dove un tempo sorgeva il tempio ora sede della moschea Al-Aqsa e la dorata Cupola della Roccia .

Da lì, è a pochi passi un terzo passaggio, il tunnel del Muro del Pianto, che prosegue verso nord dai luoghi sacri ebraici dopo aver passato le mura erette da muratori che lavorano per il Re Erode e un antico sistema idrico. I visitatori emergono vicino all’ingresso di un’antica cava denominata Cava Zedekiah che scende sotto il quartiere musulmano .

Il prossimo progetto importante, secondo l’Israel Antiquities Authority , seguirà il corso di una delle città principali strade di epoca romana sotto la piazza della preghiera al Muro del Pianto. Questo percorso, previsto il completamento in tre anni, si collegherà con il tunnel del Muro del Pianto.

Yuval Baruch , l’archeologo a capo dell’ Antiquities Authority di Gerusalemme, ha detto che gli scavi sono effettuati con la massima attenzione e sono attenti a preservare i reperti degni di tutte le epoche della storia della città. “Questa città è di interesse per almeno la metà delle persone sulla Terra , e continueremo a scoprire il passato nel modo più professionale possibile”, ha detto. Ed un altro archeologo: ” I tunnel “parlano” : Siamo stati qui 2000 anni fa, e ora siamo tornati , ed ecco la prova “, ha affermato Yonathan Mizrachi , un archeologo israeliano. “Vivere qui significa riconoscere che esistono altre storie oltre la nostra. ”

Scritto da Miriam Pierro-Ross